ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il gol in Francia non Var più bene: quando la tecnologia corregge...la tecnologia

Il gol in Francia non Var più bene: quando la tecnologia corregge...la tecnologia

Forse è il caso di arrendersi. Il calcio, ormai, non può più rinunciare alla tecnologia. Non può oggi e, ancora di più, non potrà farne a meno domani. Sarebbe come tornare a parlare da stasera soltanto via sms, cancellando all’improvviso WhatsApp e i suoi stretti parenti. Per cui è chiaro che al rotolare del pallone sia indispensabile ormai l’aiuto dei computer. A confortare questa tendenza sono diversi episodi, ma uno in particolare davvero supera i confini del fantastico. È capitato l’altra sera – mercoledì – allo stadio de la Licorne di Amiens, in Francia. Pronti?

Davanti a circa novemila persone (evidentemente ignare di guardare la Meraviglia che accadeva) si sfidavano l’Amiens e il Psg nei quarti della Coppa di Lega francese (0-2). Bene. Al 78’ minuto Rabiot ha corretto in rete un cross di Di Maria: il pallone ha superato di mezzo metro la linea bianca, eppure la goal-line technology è rimasta muta. Muta? Muta. Niente gol, secondo l’orologio intelligente (sicuri, sì?) dell’arbitro Nicolas Rainville. Dev’essere evidente a tutti che il povero Rainville, in quell’istante, fosse in bilico tra il precipitare nel ridicolo e lo sprofondare nell’abisso dei peggiori arbitri della storia.

La sua fortuna, però, era nascosta in un particolare. Ovvero. Nelle partite della Coppa di Lega debuttava la Var. E così l’arbitro seduto davanti alla moviola, prontamente, ha segnalato l’errore della goal-line a Rainville e, in fondo, gli ha salvato carriera e reputazione. Fantastico è però il significato della giornata: la tecnologia che corregge un’altra tecnologia – una meraviglia. Comunque ieri l’organismo responsabile delle leghe professionistiche francesi ha deciso di sospendere l’uso della goal-line (o occhio di falco). Troppi sono stati gli errori. Sostiene L’Equipe, del resto, che siano stati circa dieci nell’ultimo anno.

Insomma, a lungo criticata per i tempi vuoti che genera, la moviola si è pian piano imposta come veicolo capace di accompagnare il calcio nel futuro. In Italia, in Germania e in Portogallo le federazioni l’hanno adottata – in via sperimentale, ovvio. La Francia e l’Inghilterra si sono allineate soltanto nelle coppe, mentre la Spagna è ancora indecisa. Poi, certo, a fare la differenza sarà sempre la bravura dell’arbitro: che sia comodo davanti a uno schermo o affaticato in campo.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Maserati Multi 70 ha passato l'Equatore e viaggia con 2.000 miglia di vantaggio sul record
Video

Maserati Multi 70 ha passato l'Equatore e viaggia con 2.000 miglia di vantaggio sul record

  • Olimpiadi, Malagò: «Gara difficilissima. Windisch bravissimo»

    Olimpiadi, Malagò: «Gara...

  • Olimpiadi 2018, la commozione di Lindsey Vonn: «Vincerò per mio nonno»

    Olimpiadi 2018, la commozione di Lindsey...

  • Olimpiadi invernali: al via la cerimonia di apertura

    Olimpiadi invernali: al via la cerimonia di...

  • Doping tra ciclisti dilettanti, arrestati dirigenti: incoraggiavano gli atleti a usare sostanze

    Doping tra ciclisti dilettanti, arrestati...

  • Mauro Icardi e Wanda Nara, addio? Il gesto del calciatore dell'Inter su Instagram

    Mauro Icardi e Wanda Nara, addio? Il gesto...

  • La Mascotte dei prossimi giochi olimpici invernali

    La Mascotte dei prossimi giochi olimpici...

  • Nonnina "Ronaldinho", palleggi da fenomeno: il video che fa impazzire il web

    Nonnina "Ronaldinho", palleggi da...

Prev
Next

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT