ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Enrica campionessa nello sport e nello studio, si diploma via Whatsapp

Enrica campionessa nello sport e nello studio, si diploma via Whatsapp

MONTEBELLUNA - Nell'ultimo anno scolastico, ha fatto la spola fra Roma, dove si tratteneva per tre settimane al mese, e Montebelluna, dove ha frequentato all'istituto Einaudi l'indirizzo amministrazione, finanza e marketing. Si è divisa fra gli impianti natatori della Capitale e i libri di testo, con lezioni più spesso seguite via whatsapp che sui banchi di scuola. Ha lottato contro il tempo, quello di una vasca e quello dettato dai ritmi di studio. Per questo il risultato di Enrica Piccoli, campionessa di nuoto sincronizzato cresciuta nella Montenuoto e approdata in nazionale, ma anche neo diplomata all'istituto Einaudi con uno splendido 89, ha un valore quasi epico. Perché porta con sé il sapore della doppia fatica, doppia tensione, ma anche doppia adrenalina e doppia soddisfazione per avercela fatta. 
 
IL TRAGUARDO
Un altro traguardo prezioso per una ragazza di diciannove anni vissuti tutti d'un fiato. Atleta della nazionale di nuoto, residente a Caerano e iscritta a Montebelluna, Enrica ha compiuto infatti l'impresa più bella, centrando il diploma come gli altri, e con un risultato migliore di tanti studenti che si dividono fra libri e divano. «Da quando faccio parte della nazionale -racconta Enrica- ho trascorso tre settimane al mese in raduno collegiale a Roma, dove mi alleno per 8/9 al giorno. Poi la sera mi dedicavo allo studio, per una, due ore al massimo». Alla luce dell'attività sportiva svolta, Enrica ha ricevuto una deroga che, su richiesta del Coni, le ha permesso di non effettuare i giorni minimi di frequenza. «Su 200 giorni di scuola -spiega- ne ho fatto 130 di assenza, quasi i due terzi». E' facile immaginare, quindi, quali difficoltà Enrica abbia affrontato. Eppure, ce l'ha fatta. 
LA TENACIA
Grazie alla sua tenacia, prima di tutto, ma anche grazie alla disponibilità di compagni e insegnanti. Fra i suoi docenti, lo storico Lucio De Bortoli. «Mi ha sempre mandato le lezioni che faceva in classe via whatsapp -spiega Enrica- e questo è stato un aiuto prezioso perché una cosa è studiare sui libri di testo, un'altra sentire la spiegazione dell'insegnante. Ma ho avuto anche dei compagni splendidi. Per ogni disciplina, ne ho avuto uno che, quando tornavo nel Veneto, mi aiutava nella sua materia. E spesso, in tre ore di studio al pomeriggio, mi ha fatto recuperare le tre settimane di assenza». C'erano poi le verifiche. «Le ho svolte tutte nella settimana in cui ero a casa: anche due al giorno. Devo però dire che i miei prof sono sempre stati disponibili e se c'era bisogno di spostarne una lo facevano. Le materie più impegnative sono state matematica ed economia». Una vita estremamente intensa e impegnativa. «E' stata dura -confida Enrica, soprattutto quest'anno ho sentito particolarmente la fatica». La vita di Enrica, del resto, è completamente diversa da quella dei coetanei. Anche se, nonostante ciò, coltiva le amicizie e ha trovato, in piscina, pure l'amore. «A casa -spiega- ho delle amicizie che continuano dai tempi dell'asilo e anche con i miei compagni, soprattutto quelli che mi aiutavano nel recupero, si è creata una splendida sintonia. A Roma, vivo una realtà diversa, comunque appagante». E lì, in vasca, ha trovato anche l'amore. Quello di Giorgio Minisini, l'unico italiano nella nazionale italiana per il nuoto sincronizzato. Ora, chiuso il capitolo legato alle superiori, Enrica guarda oltre. E nel suo futuro c'è ancora anche la scuola. Non appare, infatti, intenzionata a fermarsi. «All'inizio di agosto -spiega Enrica- sarò impegnata agli Europei con la nazionale. Per quanto riguarda la scuola, penso di iscrivermi all'università, probabilmente alla facoltà di economia». E tutto fa pensare che Enrica ce la farà. Con quella tenacia e grinta che contraddistinguono le vere campionesse. 
Laura Bon 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Inter, Nainggolan zoppica: «Tempi di recupero? Non sono un dottore»
Video

Inter, Nainggolan zoppica: «Tempi di recupero? Non sono un dottore»

  • MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

    MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

  • Pallavolo, Italia sconfitta in finale dalla Serbia

    Pallavolo, Italia sconfitta in finale dalla...

  • Incita il figlio per la partita con il rituale degli All Blacks

    Incita il figlio per la partita con il...

  • CHAMPIONS - Umana Reyer - Hapoel Holon 108-104 dopo due overtime

    CHAMPIONS - Umana Reyer - Hapoel Holon...

  • Arbitro scoppia in lacrime alla fine della partita

    Arbitro scoppia in lacrime alla fine della...

  • Berlusconi, il discorso nello spogliatoio del Monza: «Chi ci crede... vince!»

    Berlusconi, il discorso nello spogliatoio...

  • Dramma nello sport, muore Giada Dell'Acqua a 28 anni

    Dramma nello sport, muore Giada...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
lapalice
2018-07-16 13:34:28
denti ! i piragna alzano bandiera bianca

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT