ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

L'Italvolley mondiale all'esame dei maestri

foto GALBIATI /CO MONDIALI PALLAVOLO 2018)

La storia è simile a quella di una adolescente che si confronta con l’amico del cuore perché «nessuno mi conosce bene come te». E con le parole dell’amico cerca di fare chiarezza sulla propria situazione. Sentimentale, il più delle volte. In fondo di sentimenti si parla anche qui. Perché l’Italia del volley, per capire quanto sta crescendo e come lo sta facendo, si rivolge a chi l’ha amata in passato e ora se la coccola da affidabile confidente. Andrea Anastasi e Julio Velasco, simboli di un azzurro vincente, ora alla guida, rispettivamente, di Belgio e Argentina (ieri, nello scontro diretto, 3-1 per i Diavoli Rossi). Ironia del destino: le prossime due avversarie dei ragazzi di Blengini nel mondiale italo-bulgaro.
UN BACIONE A FIRENZE
In tre giorni due incroci decisivi, all’interno di un torneo in cui per andare avanti non devi solo vincere, ma devi farlo anche il più possibile e il più nettamente possibile (nella fase successiva le squadre qualificate partono con i punti accumulati in questo primo girone, ndc). Archiviata la vittoria del Foro Italico contro il Giappone, l’Italia si è spostata a Firenze, con il Mandela Forum subito sold-out già per la sfida al Belgio di questa sera. Qui la Nazionale cercherà quelle risposte tecniche e caratteriali che per forza di cose non potevano essere più attendibili di tanto dopo l’esordio romano. Contro i Diavoli Rossi, che nel volley sono certamente meno infernali che nel calcio, c’è poi da vendicare l’eliminazione nei quarti di finale degli Europei 2017. «Ma in quell’Italia non c’erano Zaytsev e Juantorena» si è affrettato a ricordare Anastasi in conferenza. Differenza non da poco. «Noi siamo una squadra interessante - ha detto ancora l’ex coach azzurro - ma non so fino a che punto, visto che questa rosa non sta insieme e non compete dallo scorso europeo. E poi l’Italia è una delle sette squadre che possono andare a medaglia. Non so quale ma ci può arrivare». Detto da uno a cui la medaglia è andata di traverso nel 2010, quando gli azzurri finirono quarti nel mondiale di casa. Risultato che resta comunque il migliore dall’ultimo trionfo del 1998.
L’ALLIEVO E LA PENSIONE
Che poi, Anastasi, sa bene cosa significhi vincere un mondiale. Nel 1990 c’era, da giocatore, per il primo, storico, trionfo iridato azzurro. A guidarlo dalla panchina c’era proprio Velasco, che incrocerà Blengini sabato. «Mi inorgoglisce che tanti miei giocatori siano diventati ottimi coach, ma mi fa pensare che forse dovrei andare in pensione...», ha scherzato Julio, 66 anni e qualsiasi cosa nel palmares. «Ingiusto e presuntuoso» fare paragoni fra la sua Italia e questa, specie dopo la batosta che la sua Albiceleste ci ha rifilato a giugno in Nations League (3-0). Basta però ricordare, aggiunge, che «la pallavolo azzurra è sempre di ottimo livello». Ecco: obiettivo di questa tre giorni è proprio capire il livello di questo “ottimo”.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



“John McEnroe - L’impero della perfezione” , il trailer
Video

“John McEnroe - L’impero della perfezione” , il trailer

  • Cori razzisti contro Bakayoko durante il recupero Lazio-Udinese

    Cori razzisti contro Bakayoko durante il...

  • Conte: «Vado dove c'è un progetto. A giugno la mia nuova squadra»

    Conte: «Vado dove c'è un...

  • Juventus, allenamento prima della partenza per Amsterdam: Cristiano Ronaldo regolarmente in campo

    Juventus, allenamento prima della partenza...

  • Maratona di Roma, la carica dei 10 mila: percorso e deviazioni in città

    Maratona di Roma, la carica dei 10 mila:...

  • Maria Sharapova, l'allenamento di tennis è estremo: «Così preparo il ritorno in campo»

    Maria Sharapova, l'allenamento di tennis...

  • Formula E Roma 2019, come richiedere i biglietti prato gratuiti

    Formula E Roma 2019, come richiedere i...

  • Ronaldo in piscina: Cr7 al lavoro per esserci con l'Ajax

    Ronaldo in piscina: Cr7 al lavoro per...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT