ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Paura per Davide Lippi, il figlio di Marcello aggredito e minacciato di morte sotto casa a Milano

Paura per Davide Lippi, il figlio di Marcello aggredito e minacciato di morte sotto casa

Davide Lippi, procuratore sportivo e figlio dell’ex ct azzurro Marcello, ieri sera è stato aggredito davanti alla sua abitazione a Milano. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il procuratore sportivo sarebbe stato avvicinato da tre persone con il volto coperto da caschi che lo avrebbero preso a calci e pugni e minacciato di morte, prima di poter scappare e rifugiarsi nel garage del suo condominio. Potrebbe trattarsi di una tentata rapina o di un’aggressione intimidatoria legata al suo ruolo di procuratore di calciatori.

Marcello Lippi testimonial in Cina della cucina italiana
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






“John McEnroe - L’impero della perfezione” , il trailer
Video

“John McEnroe - L’impero della perfezione” , il trailer

  • Cori razzisti contro Bakayoko durante il recupero Lazio-Udinese

    Cori razzisti contro Bakayoko durante il...

  • Conte: «Vado dove c'è un progetto. A giugno la mia nuova squadra»

    Conte: «Vado dove c'è un...

  • Juventus, allenamento prima della partenza per Amsterdam: Cristiano Ronaldo regolarmente in campo

    Juventus, allenamento prima della partenza...

  • Maratona di Roma, la carica dei 10 mila: percorso e deviazioni in città

    Maratona di Roma, la carica dei 10 mila:...

  • Maria Sharapova, l'allenamento di tennis è estremo: «Così preparo il ritorno in campo»

    Maria Sharapova, l'allenamento di tennis...

  • Formula E Roma 2019, come richiedere i biglietti prato gratuiti

    Formula E Roma 2019, come richiedere i...

  • Ronaldo in piscina: Cr7 al lavoro per esserci con l'Ajax

    Ronaldo in piscina: Cr7 al lavoro per...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
kyfra
2019-01-18 11:35:06
Calcio....immondizia dello sport
in vino veritas
2019-01-18 08:42:56
non mi stupisce, avendo raccolto testimonianze di alcune giovani promesse del calcio su come "lavorano" questi procuratori ... la violenza e' sempre da condannare in tutti i casi ma quando uno di questi bei personaggi arriva a dire, ad esempio, ad un ragazzino di 17 anni : "se non accetti di andare a giocare nella squadra xy il prossimo anno, ti faccio spezzare una gamba così a calcio non ci giochi piu' come la mettiamo ? ah naturalmente il tutto senza testimoni, la parola di un ragazzino contro quella dell'affermato procuratore .... scoperchiare il tappo di omerta' e tirare fuori il marciume che c'e' dovrebbe essere una priorità visto i soldi che girano e il numero elevato di addetti ai lavori che ci sono nel calcio giovanile

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT