ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

La Supercoppa va alla Lazio: doppio Immobile, Murgia respinge la rimonta della Juve. E' 3-2

Supercoppa alla Lazio
Doppio Immobile e Murgia respinge
la rimonta della Juve: 3-2

L'urlo della Nord è disumano. E rende bene l'idea della gioia dopo il gol di Murgia al minuto 93. Eh già, perché dopo aver dominato la gara in lungo ed in largo con una doppietta di Immobile, rigore e pallonetto di testa, nel finale i biancocelesti stavano per rovinare tutto con due ingenuità. Dybala all'improvviso si ricorda di avere il 10 di Del Piero e in cinque minuti pareggia i conti. Prima disegna una punizione magica alla Pinturicchio, poi realizza il rigore del 2-2. Dall'incubo bianconero a quello biancoceleste. Ma la Lazio ha uno stellone che la protegge e in una notte d'agosto indossa la maglia di Murgia, classe 1996. Uno dei figli benedetti di Inzaghi. E' il 2-3 che fa riesplodere l'apoteosi laziale. Stavolta in maniera definitiva. Sfatati in un colpo solo tutti i tabù che vedevano la Lazio sempre sconfitta negli ultimi dieci confronti, un solo gol all'attivo e soprattutto mai uno decisivo di Immobile. Ci è andato vicino, stavolta, Ciro. Ma il nome stasera non conta, conta la Supercoppa alzata al cielo di Roma. La quarta della storia biancoceleste, la seconda dell'era Lotito.
 



TUFFO AL CUORE
La Juventus, dopo il ko in Champions a Cardiff, ha riacquistato sembianze umane. La manovra, come già visto nelle amichevoli estive, non è fluida. L'assenza di Bonucci si sente tantissimo, manca un giocatore capace di cucire il gioco. Quando Pjanic e Khedira si abbassano sulla linea di difesa per far partire l'azione la Juve diventa terribilmente vulnerabile. E la Vecchia Signora si è riscopre piccola e fragile. Merito soprattutto di una Lazio perfetta e tutta cuore. Quello chiesto dai tifosi con una coreografia da brividi e che citava Anna Magnani in Mamma Roma: «Dice che chi c'ha l'oro sia un signore, ma pe' me nun conta l'oro...conta er core». Una vittoria da Lazio, da batticuore. Da lacrime. E nella notte del successo in Supercoppa, svanisce il ricordo di Keita è in bianco e nero mentre Roma si tinge ancora una volta di biancoceleste.



LA CRONACA

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga
Video

Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga

  • Mondiali, Robbie Williams rischia grosso dopo il gestaccio: ecco cosa potrebbe accadergli in Russia

    Mondiali, Robbie Williams rischia grosso...

  • L'interista Karamoh sui social: "Juve di m...". Poi le scuse

    L'interista Karamoh sui social:...

  • Roberto Mancini, la confessione: «Non ho giocato un minuto ai Mondiali»

    Roberto Mancini, la confessione: «Non...

  • Paola Ferrari e la chiusura dello storico programma Rai: soppresso 90° minuto?

    Paola Ferrari e la chiusura dello storico...

  • Bebe Vio presenta Giochi senza Barriere 2018: «Noi supereroi, sempre pronti alle sfide»

    Bebe Vio presenta Giochi senza Barriere...

  • “Vai na Brasileiragem”: lo spot che lancia il Brasile verso Russia 2018

    “Vai na Brasileiragem”: lo spot...

  • Davide Astori, la perizia: «Si sarebbe potuto salvare se avesse avuto un compagno di stanza»

    Davide Astori, la perizia: «Si sarebbe...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT