ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Ronaldo non basta, l'Ajax elimina la Juventus allo Stadium: 1-2

Ronaldo non basta, l'Ajax elimina la Juventus allo Stadium: 1-2

La Juve si arrende a un’Ajax da sogno, nettamente superiore dal punto di vista tecnico, fisico e caratteriale. I ragazzi di ten Hag dopo il Real eliminano anche la Vecchia Signora, non basta Ronaldo a spezzare la maledizione Champions che dura da 23 anni. L’ottavo scudetto basterà per respingere le accuse di fallimento?

Intanto merito e onore a un’Ajax che a questo punto può sognare la finale, bella e concreta ad Amsterdam, spavalda il giusto e bellissima da vedere allo Stadium. Palleggio studiato, triangolazioni al limite dell’oratorio, passaggi affilati e tanto, tantissimo entusiasmo. Ma anche la capacità di sferrare il colpo del k.o. nel momento in cui la Juve era in affanno con il campioncino de Ligt. Si salvano solo Szczesny – che tiene in piedi i suoi finché può – e Cristiano Ronaldo, l’ultimo ad arrendersi con il gol numero 65 nella fase a eliminazione diretta di Champions.

La Juve parte bene ma si perde dopo il pareggio di van de Beek e nella ripresa il prato dello Stadium diventa un’autostrada, percorsa a tavoletta da Neres, Ziyech e Tadic. L’ esperienza dei bianconeri non fa la differenza, l’Ajax ha più fame e si divora i bianconeri in due bocconi. Pareggio sanguinoso di van de Beek, sei minuti dopo il vantaggio di testa di Cristiano Ronaldo su azione di corner. La reazione della Juve è assente, e nella ripresa sembra una squadra svuotata, schiacciata dalla pressione di una Champions che fa trattenere il fiato ai tifosi sugli spalti. C’è aria di ribaltone, e mentre un Dybala irriconoscibile rimane negli spogliatoi per Kean - incapace di cambiare marcia ai suoi -, l’Ajax avanza il baricentro  e illumina lo Stadium fino al vantaggio di de Ligt di testa: stacco perentorio da corner tra Alex Sandro e Rugani. Szczesny evita l’imbarcata su Ziyech e van de Beek da fuori e nello spogliatoio i giocatori di ten Hag tornano ragazzini tra cori, gavettoni e una semifinale sognata a lungo dall’ultima volta, era la stagione ’96-’97.
 

 



LEGGI LA CRONACA


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Gianluca Vialli e il cancro: «Non volevo morire prima dei miei genitori»
Video

Gianluca Vialli e il cancro: «Non volevo morire prima dei miei genitori»

  • Eroica 2019 con la testimonianza di Simone Barlaam

    Eroica 2019 con la testimonianza di Simone...

  • Barcellona-Inter, Conte: «Dobbiamo essere pronti ad affrontarli con o senza Messi»

    Barcellona-Inter, Conte: «Dobbiamo...

  • Champions League, stasera in campo Atalanta e Juve

    Champions League, stasera in campo Atalanta...

  • Diletta Leotta, i cori al San Paolo: "Fuori le tette"

    Diletta Leotta, i cori al San Paolo:...

  • Francesco Totti torna in campo: magie e prodezze dell'ex numero 10

    Francesco Totti torna in campo: magie e...

  • Balotelli con la figlia Pia in braccio, mamma Raffaella Fico pubblica il video su Instagram

    Balotelli con la figlia Pia in braccio,...

  • Milan-Fiorentina stasera alle 20.45, Giampaolo a caccia del riscatto

    Milan-Fiorentina stasera alle 20.45,...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT