ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Ragazzini multati perchè giocano a calcio nel campiello, la protesta dei genitori

I giochi in campiello Pisani (campo Santo Stefano),

VENEZIA - All'indomani della festa alcolica che ha trasformato Sant'Elena in un porcile, arriva una serie di multe ai ragazzini che solitamente giocano a pallone in campiello Pisani (campo Santo Stefano), dove si trova il Conservatorio di Venezia. Due episodi che non sono correlati, ma che dovrebbero esserlo nei pesi e nelle misure d'applicazione delle norme e nel valutare la gravità delle situazioni. Si è infatti deciso di chiudere un occhio sugli eccessi la notte del Redentore, all'insegna della festa tradizionale che capita solo una volta all'anno. Non sono stati così fortunati alcuni ragazzini veneziani, dagli 11 ai 14 anni di età, che il 21 maggio scorso  sono stati multati dai vigili urbani per aver giocato a calcio in campiello Pisani. I genitori sono arrabbiati e tra i giovani sanzionati c'è anche il nipote del presidente del Conservatorio di musica Benedetto Marcello, Giovanni Giol, che va giù duro sul provvedimento: «Una discriminazione contro i veneziani che trovo politicamente aberrante. Spero che i bambini continuino a giocare a calcio, con moderazione, perché il campo vive anche di loro».

Ieri a casa di 4 famiglie sono arrivati verbali con le sanzioni: 66,80 euro l'una. I genitori intendono fare ricorso, tutti assieme. «Non per la cifra da pagare, irrisoria - spiega Jacopo, uno dei padri - ma per una questione di principio. In quel campo bimbi e ragazzi giocano da sempre, gli spazi a Venezia mancano e quando le vigilesse hanno preso i nomi dei nostri figli pensavamo lo avessero fatto come avvertimento, invece sono arrivati i verbali. In quell'area vi sono commercianti abusivi, all'angolo gli scatolettisti, i borseggiatori e spesso la sera si parla anche di spacciatori». I genitori spiegano anche di essersi auto-tassati per costituire un fondo, una colletta, con cui pagare tutti gli eventuali danni agli edifici causati dalle pallonate dei figlioletti.

Nel verbale di accertamento arrivato alle famiglie c'è scritto che la sanzione è scattata perché in qualità di tutore del minore, permetteva che il proprio figlio giocasse in area vietata con lancio della palla. Pare però che la chiamata alla polizia municipale sia stata fatta proprio dall'interno del Conservatorio. «I vigili erano stati chiamati un paio di giorni prima - spiega il presidente Giol - perché in campo Pisani stavano giocando degli adulti calciando con forza il pallone, non dei ragazzini. Dopo due giorni però le vigilesse, durante un'ispezione, hanno fermato i giovani e preso i loro nominativi. Quel giorno, oltre a mio nipote di 11 anni, giocava a pallone anche mio figlio di 9. Quindi la multa potrebbe arrivare anche a noi».

Il presidente auspica che i giovani non se ne vadano dalla zona, anche perché la loro stessa presenza è una forma di presidio cittadino. «Questi bambini devono essere considerati dei baluardi di venezianità - rincara Giol - perché innocentemente proteggono la zona, altrimenti invasa da abusivi e scatolettisti. Il mio compito è tutelare il bene dell'edificio, ma occorre del buon senso. Come si fa a multare dei ragazzini che giocano a palla? Considerando che a Venezia mancano gli spazi, e che in campo Sant'Agnese non possono più andare, da quando le panchine sono state occupate dagli zingari». E ancora: «Condanno questa presa di posizione nei confronti dei bambini e penso occorra una politica liberale protezionistica per i veneziani. Anche perché ormai siamo rimasti in quattro gatti in centro storico». Infine, sulla colletta delle famiglie per pagare gli eventuali danneggiamenti: «fino ad ora quelli che abbiamo avuto alle vetrate - conclude il presidente - non sono mai stati ad opera dei bambini, ma sempre di adulti».
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Cane entra in campo e para il goal durante la partita della serie B argentina
Video

Cane entra in campo e para il goal durante la partita della serie B argentina

  • Bowling: lo storico successo mondiale dell'Italia

    Bowling: lo storico successo mondiale...

  • EMOZIONANTE - Olimpiadi 2026, la video candidatura di Milano-Cortina

    EMOZIONANTE - Olimpiadi 2026, la video...

  • Rischia di morire sul deltaplano: l'imbracatura non è attaccata e vola sospeso nel vuoto

    Rischia di morire sul deltaplano:...

  • Salvini: «Ho scritto a Gattuso, parlo con il cuore da tifoso»

    Salvini: «Ho scritto a Gattuso, parlo...

  • Kolarov: «Mi esalto nei momenti di difficoltà In campo solo uomini veri»

    Kolarov: «Mi esalto nei momenti di...

  • Rugby, terzo tempo da giganti: il capitano All Blacks Kieran Read suona la chitarra a tutto rock

    Rugby, terzo tempo da giganti: il capitano...

  • Salti da Guinness: il "volo" incredibile di Ashley Watson entra nella storia

    Salti da Guinness: il "volo"...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
vircingetorige
2018-07-20 12:41:57
Certe notizie fanno clamore solo perchè siamo in anni "particolari" Io ricordo bene la mia infanzia a Venezia e queste cose erano all'rdine del giorno nessuno però si scandalizzava e prendeva le parto ora della legge ora dei ragazzi. Forse eravamo più tolleranti e ci ricordavamo di quando noi in campo San Trovaso giocavamo a pallone dove c'e il rialzo con il pozzo, il prete chiamava i vigli che in quegli anni avevano l'ufficio alla toletta, vicino calle dei cerchieri. Loro arivavano dalla fondamenta del Marco Polo o dalla calle dove c'era lo stazio Seno, noi dopo due minuti pallone e gambe in spalla. Nessuno discuteva erano cose di ordinaria amministrazione. Anche quando attraversavamo il canale da San Giorgio alle Zitelle passando per la moncenigo della finanza e tornando a riva davanti al cipriani. Ne potrei raccontare mille di queste cose, personaggi veneziani che ci correvano dietro con la scopa perchè a luglio alle due giocavamo in calle. In quei tempi non evrebbero trovato nessun commento sul gazzettino se non qualche risata. Oggi tutto da fastidio tutto va preso troppo seriament e ci si deve schierare molte volte con livore solo perchè non si è mai saltati dal ponte della sacca fisola in acqua per vedere che aveva più paura.
il Max
2018-07-19 08:52:46
I ghebi hanno sempre fatto la politica dei deboli con i forti e forti con i deboli. Se a giocare fossero stati 10 nigeriani, col frustolo che li avrebbero multati!
Steinberg
2018-07-19 11:32:07
Mi pare che questa volta sia successo esattamente il contrario: dubito che i suoi 10 Nigeriani avrebbero avuto altrettanto spazio sui giornali per lamentarsi della multa.
Steinberg
2018-07-19 08:46:32
Se ci sono delle regole, i Veneziani dovrebbero essere i primi a rispettarle. E il divieto di giocare a calcio in un luogo fragile e prezioso come campiello Pisani sembra assolutamente giustificato, se i danni provocati dai loro ragazzi hanno indotto i genitori ad organizzare una colletta per ripagarli. Poi si può discutere sulla latitanza dei vigili urbani: dai molteplici comportamenti maleducati dei turisti, dalle feste con musica assordante (l'ultima cafonata del genere proveniva pochi giorni fa dalla suite sul tetto di un noto albergo, ma non risultano multe a carico), da certi tassisti che ignorano qualsiasi regola di navigazione e di buona educazione ecc... Ma non è una scusante.
Alessandro Buia
2018-07-19 11:18:18
Quando questa città verrà normalizzata, allora potrai pure procedere a multare un gruppo di ragazzini che giocano a pallone; ma finché sarà preda di ogni genere di degrado, mi esimerei dal fare gli autoritari con chi cerca di tenere acceso un lumicino di venezianità: altrimenti fai la figura del ridicolo (per non dire di peggio).

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT