ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Maxi Lopez svela: «Rifiutai Wanda Nara come procuratrice»

Maxi Lopez svela: «Rifiutai Wanda Nara come procuratrice»

Maxi Lopez intervistato dal giornalista argentino Fernando Niembro, torna a parlare dell'ex moglie, Wanda Nara: «Una volta Wanda mi chiese di diventare mia procuratrice, ma rifiutai. Credo ci siano donne molto capaci per questo lavoro: bisogna separare il lavoro dalla famiglia. Personalmente non volevo mischiare le due cose. Leggendo certe notizie credo che, fra le tante mie scelte sbagliate, quella fu giusta».

«Non vedo i miei figli - afferma il centravanti, attualmente in Brasile nelle file del Vasco de Gama -. È sempre la stessa storia. Ho cambiato diversi club in Italia per star loro vicino, ma ho sempre avuto difficoltà. Molte volte non ho potuto parlare al telefono con loro per decisione di Wanda. Quando i figli stavano con me, lei chiamava 150 volte per giorno e tutte le volte i bambini parlavano con lei. Io, in cambio, non ho potuto vederli anche quando abitavo a soli 150 chilometri. Andavo in città e c'era sempre una scusa nuova. Con Icardi ho lo stesso problema: una volta gli dissi che, diventando padre, avrebbe capito; poi, però, mi sono trovato peggio con lui che con lei e ho deciso di interrompere i contatti». «Credo che il tono di Wanda per trattare con i dirigenti italiani sia molto ciarliero - aggiunge -. Il linguaggio del calcio è diverso e non lo impari da un giorno all'altro. Credo che i dirigenti dell'Inter siano stufi. Anche perché, il rendimento di Icardi non è lo stesso. Molte volte gli agenti fanno la differenza, perché sanno leggere le situazioni nelle trattative, ovvero quando serve parlare e quando no. Un giocatore di un certo livello deve essere affiancato da una persona di un certo livello».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Milan-Inter, Gattuso: “Non è stato un problema tecnico ma di atteggiamento”
Video

Milan-Inter, Gattuso: “Non è stato un problema tecnico ma di atteggiamento”

  • Inter-Milan, Spalletti: “Ai giocatori ho fatto guardare partita derby dell'andata”

    Inter-Milan, Spalletti: “Ai giocatori ho...

  • MotoE, in fiamme paddock a Jerez: a fuoco tutte le moto. «Scenario da incubo»

    MotoE, in fiamme paddock a Jerez: a fuoco...

  • Ecco un atleta che sembra non subire la forza di gravità

    Ecco un atleta che sembra non subire la...

  • Incredibile gol mancato: la neve beffa l'Hannover contro il Leverkusen

    Incredibile gol mancato: la neve beffa...

  • Le lacrime di Georgina e quella foto di Cristiano Ronaldo bambino: è Juve day

    Le lacrime di Georgina e quella foto di...

  • Gigi Buffon e la depressione: «Quel quadro che mi ha salvato la vita»

    Gigi Buffon e la depressione: «Quel...

  • Incinta di 5 mesi e mezzo, si allena con la squadra: la storia di Sydney Leroux

    Incinta di 5 mesi e mezzo, si allena con la...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
copppertone
2019-02-23 13:01:32
un giocatore di un certo livello deve essere affiancato da una persona di un certo livello. ed ha detto tutto.

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT