ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Lazio, rabbia di rigore: il Milan vince con Kessie, rissa a fine match

Milan - Lazio, la rissa che si scatena a fine match

La Lazio è nera di rabbia. Niente da fare: San Siro resta stregato. Lo scontro diretto Champions va al Milan che vince 1-0 grazie ad un rigore trasformato da Kessié e provocato da uno sciocco fallo di Durmisi su Musacchio. Ma il club biancoceleste protesta con l’arbitro Rocchi per un penalty non concesso al minuto 93 per un contato tra Rodriguez e Musacchio. L’arbitro di Firenze non interviene e dalla sala Var il silent check è negativo. Si vede il fischietto dire: «Tocca prima la palla». Restano mille dubbi. 
 



RABBIA E PROTESTE
Di certo il finale di gara di Rocchi non è stato dei migliori. Prima concede un penalty inesistente per un mani di Acerbi ma viene salvato dal Var, subito dopo ne dà uno per il contatto Durmisi-Musacchio ma non va a rivedere quello al minuto 93. Nel finale succede di tutto con una mega rissa in campo e Bakayoko e Kessié che mostrano la maglia scambiata di Acerbi in modo irriverente sotto la propria curva. Il ds Tare non ci sta: «Storia di una morte annunciata. E’ successo quello che temevamo». Il club lamenta una gestione da dimenticare del fischietto di Firenze. E pensare che alla viglia entrambi i tecnici avevano applaudito la designazione. Una scelta che non era piaciuta, invece, ai tifosi laziali che temevano una “compensazione” dopo l’errore di Fabbri in Juve-Milan. 

FINALI DRAMMATICI
Tre punti pesanti lasciati al Milan nel duello Champions. Se non esistessero gli ultimi 15 minuti i biancocelesti sarebbero già in Champions. Purtroppo esistono e ogni volta sono drammatici. A San Siro arriva un’altra doccia fredda. Quello segnato da Kessié su rigore, con cui il Milan vince lo scontro per il quarto posto, è l’undicesimo subito in trenta gare di campionato. Tradotto sono quattordici i punti persi. Un’enormità. I rossoneri volano a quota 54 e i biancocelesti restano a 49. Un solo punto nelle ultime 3 gare. La Lazio scivola a meno 6 dal quarto posto ma mercoledì, contro l’Udinese, ha subito la chance del recupero per dimezzare le distanze.


LEGGI LA CRONACA

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Gianluca Vialli e il cancro: «Non volevo morire prima dei miei genitori»
Video

Gianluca Vialli e il cancro: «Non volevo morire prima dei miei genitori»

  • Eroica 2019 con la testimonianza di Simone Barlaam

    Eroica 2019 con la testimonianza di Simone...

  • Barcellona-Inter, Conte: «Dobbiamo essere pronti ad affrontarli con o senza Messi»

    Barcellona-Inter, Conte: «Dobbiamo...

  • Champions League, stasera in campo Atalanta e Juve

    Champions League, stasera in campo Atalanta...

  • Diletta Leotta, i cori al San Paolo: "Fuori le tette"

    Diletta Leotta, i cori al San Paolo:...

  • Francesco Totti torna in campo: magie e prodezze dell'ex numero 10

    Francesco Totti torna in campo: magie e...

  • Balotelli con la figlia Pia in braccio, mamma Raffaella Fico pubblica il video su Instagram

    Balotelli con la figlia Pia in braccio,...

  • Milan-Fiorentina stasera alle 20.45, Giampaolo a caccia del riscatto

    Milan-Fiorentina stasera alle 20.45,...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT