ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Renzi: «Lascio il Pd ma sosterrò il governo». Fedelissimi divisi, con lui 25 parlamentari

Renzi: «Lascio il Pd ma sosterrò il governo». Fedelissimi divisi, con lui 25 parlamentari

«Lascio il Pd». Il dado è tratto: Matteo Renzi se ne va e il Partito democratico subisce una nuova scissione. L'ex premier ormai ha deciso e nei prossimi giorni (forse già in settimana) darà vita ai suoi gruppi parlamentari. Ma, assicura il senatore di Rignano, «confermo pieno sostegno al governo». Renzi lo ha annunciato in serata al premier Giuseppe Conte in una telefonata. Sono dunque caduti nel vuoto gli ultimi appelli all'unità arrivati solo domenica da Nicola Zingaretti («la scissione sarebbe drammatica») e da Dario Franceschini («Matteo resta, questa è casa tua»). Renzi, dopo settimane di pressing da parte dei fedelissimi, rompe gli indugi.

Zingaretti: scissione Renzi un errore e ci dispiace ma ora pensiamo agli italiani



Matteo Renzi ricomincia da tre (pilastri) e per il simbolo del movimento sono al lavoro i creativi




Renzi, Calenda: scissione di Palazzo, servono risposte sui temi veri

L'obiettivo è quello di creare una cosa nuova («una renzata» l'ha definita nei giorni scorsi), nella convinzione che ci sia uno spazio enorme per un soggetto moderato e riformista. Il nome è ancora da decidere (si è parlato di Italia del sì o di Italia in crescita) e il progetto verrà illustrato alla prossima Leopolda, convocata a Firenze dal 18 al 20 ottobre. La ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova sarà il capo della delegazione al governo (composta anche da Elena Bonetti, Anna Ascani e Ivan Scalfarotto) e il vicepresidente della Camera Ettore Rosato il coordinatore nazionale del soggetto renziano. L'ex segretario del Pd assicura che l'esecutivo non rischia nulla. Tutt'altro, racconta chi ha parlato con lui: «Questa è un'operazione che punta a fare chiarezza, il passo è stato deciso ora, e non più avanti, proprio per non destabilizzare l'esecutivo».

Renzi lascia il Pd, l'allarme di Conte e Zingaretti. Franceschini: «Le divisioni fecero vincere Mussolini»

Lo strappo è consumato. Dovrebbero seguire Renzi venti deputati (da Maria Elena Boschi a Roberto Giachetti fino a Lucia Annibali) che daranno vita a un gruppo autonomo a Montecitorio, il cui presidente sarà Luigi Marattin, e quattro o cinque senatori (dalla ministra Teresa Bellanova all'ex tesoriere Francesco Bonifazi), che per ora si potrebbero accomodare sugli scranni del Gruppo Misto assieme al leader. Si lavora sotto traccia per agganciare un piccolo drappello di parlamentari di FI e continuano i contatti con i berlusconiani che non vogliono tornare tra le braccia di Matteo Salvini.

Renzi telefona a Conte e annuncia l'addio al Pd: «Pieno sostegno al governo»

I FINANZIATORI
A sorpresa, però, manca all'appello una pattuglia di fedelissimi (o ex?). Tra questi spiccano Dario Nardella e Giorgio Gori: «Io resto nel Pd, l'ho sempre detto - sostiene il sindaco di Firenze - penso che tutti gli altri debbano riflettere molto perché uniti siamo più forti e divisi siamo più deboli». «Non credo ai partiti personali», twitta il primo cittadino di Bergamo. Non saranno della partita nemmeno Debora Serracchiani né le due neosottosegretarie Alessia Morani e Simona Malpezzi. Restano nei dem anche Luca Lotti e Lorenzo Guerini con tutta la loro corrente Base riformista.
L'operazione renziana nasce da lontano, l'ex segretario ha deciso a luglio di far nascere il suo partito. E per avere più tempo per organizzare la sua nuova creatura ha evitato di precipitare verso le elezioni di ottobre (il progetto di Salvini), favorendo per primo la trattativa di Ferragosto tra M5S e Pd. Per la stessa ragione in estate ha spinto il pedale dell'acceleratore sul fronte delle donazioni a favore dei suoi comitati Azione civile - Ritorno al futuro: ammontavano a 20mila euro a giugno, sono arrivate a 260mila a luglio e a 220mila ad agosto. Tutte regolarmente registrate. Tra i maggiori finanziatori (100mila euro) Daniele Ferrero, primo azionista e ad di Venchi (il colosso del cioccolato), e Davide Serra, il finanziere con sede e residenza nella City fondatore di Algebris.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Mancini: «Buffon e De Rossi all'Europeo? Vediamo»
Video

Mancini: «Buffon e De Rossi all'Europeo? Vediamo»

  • Serie A, la domenica: l'Inter soffre ma batte il Sassuolo, delusione Roma a Genova

    Serie A, la domenica: l'Inter soffre ma...

  • Francesco Totti, su Instagram lezioni di hot yoga. E poi se la prende con il preparatore

    Francesco Totti, su Instagram lezioni di hot...

  • Il surfer Leonardo Fioravanti si piazza sul podio nella WSL (World Surf League)

    Il surfer Leonardo Fioravanti si piazza sul...

  • Gianluca Vialli e il cancro: «Non volevo morire prima dei miei genitori»

    Gianluca Vialli e il cancro: «Non...

  • Eroica 2019 con la testimonianza di Simone Barlaam

    Eroica 2019 con la testimonianza di Simone...

  • Barcellona-Inter, Conte: «Dobbiamo essere pronti ad affrontarli con o senza Messi»

    Barcellona-Inter, Conte: «Dobbiamo...

  • Champions League, stasera in campo Atalanta e Juve

    Champions League, stasera in campo Atalanta...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
Hermitage
2019-09-17 13:44:46
Con la prima mossa ha evitato il voto in autunno, con questa seconda mossa si sta preparando per la campagna primaverile, ma gli altri non stanno a dormire
copppertone
2019-09-17 12:16:48
furbo il ragazzo, adesso con 20 voti tiene in ostaggio tutto il governo. o fate come dico io oppure tutti a casa a votare. nel frattempo mi organizzo il mio partitino con i residuati di forza italia che non vogliono andare con salvini e voi alla fine rimanete fuori dai giochi.
Elise Francia o Spagna
2019-09-17 12:08:41
Il PD ed il M5S pensavano di avere teso un trappolone a Salvini. Adesso sara' Renzi a logorarli pian piano, ricattandoli di volta in volta col rischio di fare venire meno la maggioranza in Senato. Zingaretti e Di Maio hanno fregato Salvini, ma a loro volta si sono fatti mettere nel sacco da Renzi
razdegat
2019-09-17 11:52:04
E il presidente Mattarella che dice ? Il nostro presidente, giustamente, nel precedente governo si è dichiarato non un mero ratificatore. Ora, pur sdoganando legittimamente un governo non votato, con tutti i se e tutti i ma che a mio avviso non si è posto con lo stesso zelo del governo precedente, ci si chiede come davanti a tutto ciò, di fronte ad una spaccatura parlamentare di tali proporzioni, in cui i renziani si dividono dal proprio partito, ma appoggiano il governo (!!! e questo la dice molto lunga ...) come non faccia a non procedere, in assoluta coscienza, allo scioglimento delle camere e ad indire nuove elezioni.
Franco-tv
2019-09-17 11:32:03
"Renzi non fa altro che metterci ancora una volta la faccia", per metterci la faccia bisogna averla, lei non ha buona memoria! Peccato che non abbia introdotto anche la Boschi, per gradire...

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT