ACCEDI AL Il Gazzettino.it


oppure usa i dati del tuo account

Pugliato, storico Manuel primo pugile transgender a vincere da professionista

Storico Manuel primo pugile transgender a vincere da professionista

INDIO Patricio Manuel entra nella storia. L'americano, 33 anni, è infatti il primo pugile transgender a disputare un match da professionista negli Stati Uniti e a vincerlo. Manuel è sceso sul ring del Fantasy Springs Resort Casino di Indio, in California, e ha battuto ai punti con verdetto unanime dei giudici il messicano Hugo Aguilar nella categoria dei pesi superpiuma. «Non cambierei nulla di tutto ciò che ho dovuto fare per arrivare fin qui, ne è valsa la pena - ha raccontato a caldo un emozionatissimo Patricio - La cosa più bella di questa notte, è stata l'adrenalina che saliva nel momento in cui entravo sul ring per affrontare il mio avversario». Patricio Manuel prima di cambiare sesso si era qualificato al torneo di boxe femminile alle olimpiadi di Londra 2012 ma senza poter prender parte ai Giochi a causa di un infortunio. Sei anni sofferti per il pugile transgender costellati di interventi chirurgici e ormonali e una scia infinita di pratiche burocratiche da affrontare per ottenere la licenza. Il pugile statunitense ha dovuto scontare il doloroso rifiuto del suo allenatore nel continuare a seguirlo e le difficoltà a farsi accettare e trovare un rivale quando ha cominciato il suo cammino a livello amatoriale. A tendere una mano a Patricio Manuel per intraprendere la strada del professionismo la società di Oscar De La Hoya, Golden Boy Promotions, che lo ha aiutato a ottenere la licenza.
Per realizzare il sogno c'è voluto poi il coraggio di Aguilar che dopo 2 anni senza la possibilità di affrontare un rivale sul ring, ha detto sì alla sfida con Manuel. Aguilar ha reso noto di aver appreso della storia di Manuel solo due giorni prima del combattimento ma di non aver avuto alcun dubbio sul fatto di salire sul ring: «Per me non cambia nulla: sul ring vuole vincere come voglio vincere io».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Mihajlovic ringrazia la moglie e si commuove: «Ti amo amore»
Video

Mihajlovic ringrazia la moglie e si commuove: «Ti amo amore»

  • La domanda "segreta" di Diletta Leotta a Ciro Immobile è tutta da ridere

    La domanda "segreta" di Diletta...

  • Campioni di Vita con Adriano Panatta, Andrea Lucchetta, Oney Tapia e Federica Maspero

    Campioni di Vita con Adriano Panatta, Andrea...

  • Ecco cosa non bisogna mai fare sul tapis roulant

    Ecco cosa non bisogna mai fare sul tapis...

  • La stella della ginnastica artistica Giorgia Villa protagonista di "G! come giocare"

    La stella della ginnastica artistica Giorgia...

  • Michel Platini contro la Var: «E' una bella ca...».

    Michel Platini contro la Var: «E'...

  • Euro2020, Bosnia-Italia 0-3: decimo successo per Mancini

    Euro2020, Bosnia-Italia 0-3: decimo successo...

  • VITTORIA AL FOTOFINISH - La Reyer batte Sassari 55-54 con canestro sulla sirena

    VITTORIA AL FOTOFINISH - La Reyer batte...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
Arier White
2018-12-10 13:14:57
Non c'è più religione.

CALCIO

MOTORI

ALTRISPORT